Topolino allo Zecchino d’Oro su I migliori anni Disney

toòolino-allo-zecchino-d-oroQuesto mese su “I migliori anni Disney” numero 10, dedicato al 1969, viene ristampata una storia molto particolare, uscita originariamente su un albo speciale di 100 pagine nel marzo 1969.

Si tratta di Topolino allo Zecchino d’Oro, storia scritta da Guido Martina e disegnata da Romano Scarpa (con gli inchiostri di Giorgio Cavazzano) dedicata alla celebre gara canora riservata ai bambini.

Come scritto nell’introduzione, la storia è divisa in un prologo e dieci sezioni, una per ogni canzone vincitrice dello Zecchino negli anni dal 1959 al 1968 e vede Scarpa cimentarsi nel disegno dei personaggi più vari dell’universo Disney.

Sono un po’ in ritardo con questa segnalazione, quindi se vi interessa acquistare questo numero, affrettatevi, perché a luglio uscirà il successivo!

Scarpa sui nuovi Grandi Classici #2 e su I migliori anni 1968

Diverse ristampe scarpiane in edicola in questo momento!

Sul secondo numero della nuova serie dei Grandi Classici Disney possiamo trovare Topolino e l’artista vagabondo, storia del 1994 scritta da Carlo Panaro e disegnata da Romano Scarpa.

La copertina di Giorgio Cavazzano è ispirata proprio a questa storia.

Su I migliori anni n. 9, 1968 invece abbiamo ben tre storie disegnate da Scarpa!

Zio Paperone e i germogli esplosivi, scritta da Rodolfo Cimino; Topolino e lo scarabeo informatore, di Osvaldo Pavese e Paperetta Yé Yé e il treno del profitto, su soggetto dello Studio e sceneggiatura di Scarpa stesso.

Vi ricordo infine l’ultima settimana di mostra al museo WOW di Milano!

Il finale della prima puntata del Richiamo della foresta

Se avete visto il filmato dell’incontro d’apertura della mostra dedicata a Scarpa al WOW (o se eravate presenti) avrete sentito Luigi F. Bona parlare di una chicca relativa a un cane.

La chicca in questione è la seguente.

La storia è – come si poteva facilmente comprendere essendo l’unica di Scarpa dedicata a “un cane” – Buck alias Pluto e il richiamo della foresta.

Dalle due tavole (e 1/3) inedite esposte alla mostra si può facilmente comprendere come il finale della prima puntata proposto da Scarpa (e Guido Martina, questa storia è la loro ultima collaborazione) sia stato in qualche modo bloccato all’ultimo minuto probabilmente perché ritenuto troppo cruento. O quantomeno troppo cruento per lasciare che i bambini rimanessero un’intera settimana con l’ansia di non sapere se il povero cane sarebbe sopravvissuto al grande salto o meno. Quindi la prima puntata è stata allungata di una pagina in cui si vede subito Buck/Pluto che si salva, portando così all’aggiunta di una pagina alla prima puntata (con il senno del poi si vede che non è un finale normale) e alla modifica dell’inizio della seconda, con il taglio della prima pagina (e 1/3) per partire direttamente con la seconda.

Si può notare che il riassunto della puntata precedente è rimasto invariato.

Questo e molto altro in mostra allo WOW Spazio Fumetto di Milano fino al 13 marzo.

Si ringraziano Luigi f. Bona, la Fondazione Franco Fossati a il WOW Spazio Fumetto.

“Pippo contro Pippo” sui Grandi Classici Disney n. 1

La copertina di Giorgio Cavazzano.Provoca una strana sensazione scriverlo, ma si parla davvero dei Grandi Classici Disney n. 1… perché a dicembre la storica testa dei Grandi Classici ha “chiuso” per riaprire nel 2016 con un nuovo formato e (soprattutto) una nuova numerazione.

Curiosa la scelta di ristampa scarpiana del numero, si tratta infatti di Pippo contro Pippo, storia dello Studio Disney scritta e disegnata da Scarpa (con gli inchiostri di Giorgio Cavazzano) nel 1969 e pubblicata per la prima volta in Italia sull’Almanacco Topolino n. 175, nel 1971.

Altre storie degne di nota del numero Il matrimonio di Reginella (1987), classico di Cimino e Cavazzano, e i due “inferni”, quello di Topolino (1949, Martina/Bioletto) e quello di Paperino (Chierchini, 1987).