Archivi tag: Paperino e la leggenda dello Scozzese volante

Paperino e la leggenda dello Scozzese Volante sui Grandi Classici 9!

gcdns9Questo mese il numero 9 della nuova serie dei Grandi Classici Disney tiene decisamente fede al proprio nome proponendo il più classico dei classici, il capolavoro assoluto scritto e disegnato da Romano Scarpa nel 1957 Paperino e la leggenda dello Scozzese Volante (con gli inchiostri dello stesso Scarpa e di Luciano Gatto) e pubblicato in origine sui numeri di Topolino 174 e 175.

La versione usata è la stessa del TuttoScarpa di due anni fa, quindi è davvero ottima! È completa, senza tagli tra prima e seconda puntata e con le pagine in origine in bianco e nero colorate con ottimi colori coerenti con quelli utilizzati in occasione della prima edizione e tuttora presenti.

La bella copertina ispirata alla storia è di Giorgio Cavazzano (con i colori di Max Monteduro).

Nell’introduzione alla storia Luca Boschi ricorda la “scoperta” del fatto che l’incredibile pioggia di sardine sia invece una cosa reale in Honduras, cosa che i lettori di questo sito dovrebbero sapere bene. Se non lo sapete… ecco la storia di quella scoperta, proprio qui, più di 15 (!) anni fa!

Imperdibile!

Paperino e lo Scozzese volante

copertina-ankatekijat-2

Di Romano Scarpa tratto da Ankantekijät n°2, del 16 settembre 2003. (Traduzione di Francesco Spreafico.)

“Il 3 Marzo di ogni anno, nei pressi di Tegucigalpa in Honduras, piovono sardine”. Lessi di questa leggenda, inventata dai giornali sensazionalisti, anni fa. Non ci credetti per un solo istante, ma mi dette l’idea per scrivere una grande storia.

Ad ogni modo, mi serviva qualcosa di più per far funzionare la storia come volevo io. Presi l’idea della nave fantasma volante dal film “Pandora” (Pandora and the Flying Dutchman), con James Mason e Ava Gardner. Combinando le leggende della pioggia di sardine e della nave fantasma scrissi la mia storia di paperi con Paperone, Paperino e i ragazzi. Spedii la mia proposta a Mario Gentilini, l’allora direttore di Topolino. Immagino avesse fiducia in me, perché non volle nemmeno leggere l’intero soggetto, voleva solo vedere la storia finita su carta. Gentilini era un professionista che non lodava invano. Dal suo brontolio benevolente, dedussi che la storia gli era piaciuta.

A quel tempo non ero al corrente del fatto che l’assurda storia della pioggia di sardine non fosse inventata e che invece fosse completamente vera! Inoltre ero anche all’oscuro del fatto che quasi simultaneamente il grande Carl Barks avesse completato una storia su di una nave fantasma (senza le sardine). Quando disegnai la storia non avevo visto il suo “Olandese volante”, e sono altrettanto certo che lui non vide mai la mia storia. Ci imitammo inconsapevolmente?

Più avanti avvenne un’altra coincidenza simile quando creai Sgrizzo Papero, “il papero più balzano del mondo”. Nello stesso anno gli studi Disney di Burbank presentarono il cugino Paperoga, del favoloso Al Hubbard, che sarebbe potuto essere il fratello gemello di Sgrizzo. Un’altra imitazione? Non credo. È stata semplicemente un’altra casualità.

Lentävä skotlantilainen

Lentävä skotlantilainenÈ uscito in Finlandia un volume cartonato (Ankantekijät #2) interamente dedicato a Scarpa. La formula sembrerebbe simile a quella dei Maestri Disney, molte storie di Scarpa inframezzate da articoli critici. Le storie proposte sono: Paperino e la leggenda dello “scozzese volante”, Paperino e la “Fondazione De’ Paperoni”, Topolino e il campionissimo , Paperino e l’amuleto di Amùndsen, Gancio vince sempre! e Paperina testimone oculare (l’indice completo lo trovate nell’I.N.D.U.C.K.S.). L’introduzione del volume è dello stesso Scarpa che ne ha realizzato anche la copertina, inedita ed ispirata allo “Scozzese Volante”, che potete ammirare cliccando qui. Il volume fa parte di una collana dedicata a far conoscere ai lettori finlandesi gli artisti dei paperi diversi da Carl Barks e Don Rosa. È il secondo numero, il primo era stato dedicato, lo scorso anno, a Daan Jippes. Scarpa si è dichiarato molto soddisfatto del risultato. (grazie ad Ari Seppi per le informazioni)