“Pippo contro Pippo” sui Grandi Classici Disney n. 1

La copertina di Giorgio Cavazzano.Provoca una strana sensazione scriverlo, ma si parla davvero dei Grandi Classici Disney n. 1… perché a dicembre la storica testa dei Grandi Classici ha “chiuso” per riaprire nel 2016 con un nuovo formato e (soprattutto) una nuova numerazione.

Curiosa la scelta di ristampa scarpiana del numero, si tratta infatti di Pippo contro Pippo, storia dello Studio Disney scritta e disegnata da Scarpa (con gli inchiostri di Giorgio Cavazzano) nel 1969 e pubblicata per la prima volta in Italia sull’Almanacco Topolino n. 175, nel 1971.

Altre storie degne di nota del numero Il matrimonio di Reginella (1987), classico di Cimino e Cavazzano, e i due “inferni”, quello di Topolino (1949, Martina/Bioletto) e quello di Paperino (Chierchini, 1987).

Apertura della mostra dedicata a Romano Scarpa al WOW

The Art of Romano ScarpaIeri si è aperta la mostra dedicata a Romano Scarpa “Dall’unghia di Kalì all’ultimo balabù” allo WOW Spazio Fumetto di Milano.

La mostra occupa l’intero primo piano della struttura con più di 150 tavole originali che fanno da pezzo forte, la stragrande maggioranza esposta per la prima volta. Oltre a queste disegni, schizzi, storyboard, layout, pagine tagliate, modificate, soggetti, studi, edizioni italiane, edizioni estere e chi più ne ha più ne metta. Presente anche uno maxischermo interattivo dove i visitatori possono selezionare i personaggi creati da Scarpa e leggerne le origini. Disponibile inoltre per consultazione e lettura l’intera Opera Omnia edita da Corriere e Gazzetta nel 2014.

Nel mio piccolo ho fornito un paio di originali e diverse ristampe estere (USA, Grecia, Francia e paesi nordici), ma la parte del leone la fanno sicuramente le opere del collezionista Marco Castelletta, a cui sostanzialmente si deve la mostra.

Il catalogo, molto bello, è in vendita direttamente al WOW per 25 EUR (e potete trovarne’ un’anteprima sul sito artoon.it. La copertina è un remake fatto dallo stesso Scarpa di una sua autocaricatura degli anni 80 colorata appositamente per l’occasione da Casty. Nel volume, oltre alla riproduzione di tantissime delle opere presenti nella mostra, potete trovare introduzioni di Luca Bertuzzi, Luca Boschi e dello stesso Castelletta, oltre a una breve biografia di Scarpa.

All’incontro di apertura della mostra, tenutosi ieri alle 16:30, ha tenuto banco Luca Boschi accompagnato da Davide Catenacci della redazione di Topolino e dal grande Marco Rota che tra le varie cose ha ricordato il viaggio dei collaboratori Disney (tra cui Scarpa) negli Stati Uniti degli anni 70. Intervenuti anche il presidente della Fondazione Franco Fossati Luigi F. Bona, i disegnatori Sandro Dossi e Blasco Pisapia e lo stesso Castelletta.

Nelle prossime settimane vi presenterò qualche chicca presente alla mostra… ma il mio consiglio è sicuramente quello di ritagliarvi un pomeriggio e andare a visitarla!

Ecco un piccolissimo assaggio di quello che vi attende… ma ovviamente le foto (con tanto di inevitabili riflessi) non fanno giustizia a quello che dovete vedere con i vostri occhi!

Il WOW Spazio Fumetto è a Milano in viale Campania 12. La mostra sarà aperta fino al 13 marzo con i seguenti orari: Dal martedì al venerdì dalle 15 alle 19; sabato e domenica dalle 15 alle 20; lunedì chiuso. Ingresso 5 EUR.

“Topolino e l’ultraghiaccio” su I migliori anni Disney 1967

Topolino e l'ultraghiaccioE` qualche tempo che non segnalo le ultime ristampe scarpiane… che non sono comunque state tantissime, vista la cronologica terminata da poco.

Sul nuovo numero de I migliori anni Disney però, l’ottavo, dedicato al 1967 viene riproposto l’ultimo grande capolavoro “classico” di Romano Scarpa, da lui scritto e disegnato (o almeno pubblicato) appunto nel 1967 sui numeri 596 e 597 di Topolino: Topolino e l’ultraghiaccio. Le chine sono di Giorgio Cavazzano.

La versione proposta è quella completa, con le due puntate stampate separatamente.

Cominciamo così molto bene il 2016.

(E da sabato tutti al museo WOW di Milano, non dimenticatevi!)